Miscellanea documenti turchi :: documento n. 541

n. 541

di 2 clicca per visualizzare l'immagine successiva a quella visualizzata clicca per visualizzare l'ultima immagine di questa unità pagina/carta     icona fullscreen

dati scheda

Identificazione

Numero documento: 541

Datazione

Data iniziale: 18/03/1545

Note: Data critica (senza data); data di presentazione

Mittente
  1. Mittente: Mehmed

    Qualifica: sangiacco di Clissa

Destinatario
  1. Destinatario: Pietro Lando

    Qualifica: doge

Descrizione Il sangiacco, in carica ormai da più di dieci mesi, lamenta come durante il suo mandato, mentre i territori veneti siano stati risparmiati, quelli ottomani abbiano subito quotidiane rapine da parte veneta. Inoltre i conti di Zara, Sebenico e Spalato, da lui informati in proposito, tennero un comportamento riprovevole, esattamente contrario a quello del conte [Francesco Balbi], del provveditore e della gente di Traù che agirono invece correttamente. Il dragomanno Gianesino [Salvago], che si trova presso di lui, lo dissuase dal comunicare tale stato di cose alla Porta prima di averne riferito alla Signoria. Lo scrivente ricorda come, al tempo del suo predecessore Veli, fanciulli veneti venissero rapiti, mentre nessun torto fu commesso sotto di lui. Egli intende mantenere buoni rapporti, secondo gli ordini ricevuti con il firmano di cui invia copia (n. 542).

Dimensioni

Base mm: 190

Altezza mm: 300

Lingua: Ottomano

Allegati: con allegato il n. 542

Da: I "documenti turchi" dell'Archivio di Stato di Venezia. Inventario della miscellanea a cura di Maria Pia Pedani, Roma, 1994, pag. 142