Miscellanea documenti turchi :: documento n. 1074

n. 1074

di 2 clicca per visualizzare l'immagine successiva a quella visualizzata clicca per visualizzare l'ultima immagine di questa unità pagina/carta     icona fullscreen

dati scheda

Identificazione

Numero documento: 1074

Datazione

Data iniziale: 14/11/1594

Data finale: 23/11/1594

Altra datazione: inizio della luna di rebiyülevvel 1003

Note: data tradotta in anno Domini more comune

Data topica: Yanık

Mittente
  1. Mittente: Murad III

Destinatario
  1. Destinatario: Pasquale Cicogna

    Qualifica: doge

Descrizione Il beylerbeyi di Bosnia Mustafa notificò che gli uscocchi di Segna hanno armato una flotta e ricevono aiuti dai rettori e dalle popolazioni di alcuni castelli veneti; essi cominciano a saccheggiare anche lo scalo di Gabela, facendovi schiavi e bottino, che portano poi ai castelli veneti e dividono con i rettori; in tal modo, mentre per il passato il suddetto scalo si appaltava per 70 some di aspri, ora, abbandonato dai mercanti, non dà più alcun utile. Il sultano ricorda l’opposizione dell’ambasciatore veneto quando egli voleva costruire a difesa una fortezza e porre delle galee di guardia, e la sua promessa che la Repubblica avrebbe provveduto alla sicurezza e risposto dei danni: promessa accettata con una lettera imperiale. Finora tuttavia nulla si è fatto da parte veneta né contro gli uscocchi, né contro altri malfattori, anzi i capitani di Zara, Sebenico, Traù, Spalato, {Almissa}, Lesina, Skurje, «Yāvsē» (?) e le quattro galee poste a guardia della Narenta fanno lega con gli uscocchi, forniscono viveri, piloti e armi, e permettono loro in tal modo di compiere ogni sorta di devastazioni nel detto scalo, nei distretti di {«Pōpovā», «Jājāyā»}, «Dūrġūrçā» e altri luoghi nel sangiaccato di Clissa. Latore del presene documento è il çavuş Derviş. Il sultano chiede che si puniscano i colpevoli e si risarciscano i danni: se poi risultasse che tali fatti avvengono mentre il doge ne è a conoscenza, egli prenderebbe tali provvedimenti che ogni pentimento sarebbe tardivo.

Dimensioni

Base mm: 385

Altezza mm: 1440

Lingua: Ottomano

Da: I "documenti turchi" dell'Archivio di Stato di Venezia. Inventario della miscellanea a cura di Maria Pia Pedani, Roma, 1994, pag. 275