Miscellanea documenti turchi :: documento n. 1147

n. 1147

di 3 clicca per visualizzare l'immagine successiva a quella visualizzata clicca per visualizzare l'ultima immagine di questa unità pagina/carta     icona fullscreen

dati scheda

Identificazione

Numero documento: 1147

Datazione

Data iniziale: 17/03/1605

Note: Data critica (senza data)

Mittente
  1. Mittente: Marino Grimani

    Qualifica: doge

Destinatario
  1. Destinatario: Mehmed pascià

    Qualifica: gran visir

Descrizione Il doge risponde alla missiva inviata, unitamente a una lettera imperiale, da Belgrado a mezzo del çavuş Osman. Lo stesso è latore della presente e della risposta per il sultano. Venezia si è sempre adoperata per lo sterminio degli uscocchi; ha fatto costruire appositamente delle navi e nominato un “generale” contro di essi, al quale sono stati dati ordini precisi perché impedisca i loro misfatti. Tali disposizioni sono state ora energicamente rinnovate. Non deve tuttavia sorprendere se riescono a compiere qualche malefatta di sorpresa, perché la presenza di malfattori è cosa che si riscontra dappertutto. Il doge smentisce che sudditi veneti abbiano connivenza con gli uscocchi e che questi dividano la preda in territorio veneto. Casomai si tratterà di banditi veneziani che la Repubblica intende sterminare ancor più degli uscocchi. Il doge chiede di prestare fede alla sincera amicizia veneta, recentemente confermata con il rinnovo delle capitolazioni. All’arrivo del pascià a Costantinopoli il bailo gli riferirà personalmente su questi fatti e altri ancora.

Lingua: Ottomano

Da: I "documenti turchi" dell'Archivio di Stato di Venezia. Inventario della miscellanea a cura di Maria Pia Pedani, Roma, 1994, pag. 296