Miscellanea documenti turchi :: documento n. 1403

n. 1403

di 2 clicca per visualizzare l'immagine successiva a quella visualizzata clicca per visualizzare l'ultima immagine di questa unità pagina/carta     icona fullscreen

dati scheda

Identificazione

Numero documento: 1403

Tipologia Relazione

Descrizione Dopo aver premesso che conoscono i nobili delle fortezze di confine venete e sono da loro conosciuti, gli scriventi attestano che il latore della presente, Receb, apparteneva a una delle più nobili e ricche famiglie di Lesina chiamata dei {Fasaneo}. Fattosi egli musulmano il conte a Traù e il [provveditore] generale hanno incamerato i beni lasciatigli dal padre, tra cui una cassa piena di ducati d’oro, e 51.000 ducati ereditati da lui e dalle sue figlie dalla moglie. Inoltre i veneziani tentano continuamente di uccidere il detto Receb. Seguono le sottoscrizioni di trentaquattro ufficiali dei confini: il kahya Halil, l’agà degli archibugieri Ömer, l’agà degli azeb 5° Hüseyin, l’agà degli azeb 3° Hüseyin, l’agà degli azeb 2° Yusuf, l’agà degli azeb 1o Yakub, il dizdar Mahmud agà, il kapudan di Clissa Cafer, il kahya di Clissa Mustafa, l’agà dei martolos di «Qurnaq» (?) Mahmud, l’agà dei martolos 2° Sefer, l’agà dei martolos 1o Ali, l’agà dei faris 2° Mehmed, l’agà dei faris 1o Mehmed, l’agà degli azeb Ahmed, il dizdar di «Zir» (?) Ali agà, l’agà dei martolos 2° Kürt, l’agà dei martolos 2° Sefer, l’agà dei martolos Mehmed, l’agà degli azeb 2° Hasan, l’agà dei faris Hasan, l’agà dei faris 1° Ahmed, il dizdar di Longarico Salih, l’agà dei martolos 2° İlyas, l’agà dei martolos 1° Ahmed, l’agà dei faris Osman, l’agà degli azeb Hasan, il kapudan di Kamengrad Ali, il dizdar di Kamengrad Mehmed agà, Mehmed agà bin Hasan (?), Zülfikar agà, l’agà degli azeb 3° Hüseyin, Ahmed agà, Kasım agà.

Dimensioni

Base mm: 220

Altezza mm: 370

Lingua: Ottomano

Confezione: in camicia n. 1404

Allegati: allegato al n. 1374

Da: I "documenti turchi" dell'Archivio di Stato di Venezia. Inventario della miscellanea a cura di Maria Pia Pedani, Roma, 1994, pag. 386