Miscellanea documenti turchi :: documento n. 1992

n. 1992

di 6 clicca per visualizzare l'immagine successiva a quella visualizzata clicca per visualizzare l'ultima immagine di questa unità pagina/carta     icona fullscreen

dati scheda

Identificazione

Numero documento: 1992

Datazione

Note: Data critica (senza data)

Secolo iniziale: XVIII

Mittente
  1. Mittente: Cipriano Boneri

    Qualifica: capo di piazza

Destinatario
  1. Qualifica: bailo

Tipologia Supplica

Descrizione Gli scriventi lamentano le tasse gravanti sul commercio veneto che, per alcune merci, raggiungono il 16% e chiedono che vengano presi i seguenti provvedimenti. Il dazio sia ridotto dal 5% al 3% e siano tolte le spese minute come già ottenuto dalle altre nazioni; sia ridotta la messetteria, come per le altre nazioni, e le spese minute; il reale sia calcolato non a 80 aspri ma a 100, come viene calcolato dalla dogana all’erario e alle altre nazioni; per le merci non caricate in porto per le quali è già stato pagato il dazio e ottenuto il tezkere, non si paghi nuovamente il dazio se esse vengono trasportate in altro porto per essere vendute, come per le altre nazioni; al doganiere di Galata si paghino per l’ancoraggio 25 leoni invece di 65, come avviene per i francesi, senza che sia alterato quanto destinato ai luoghi pii, al dragomanno protogero e ai giannizzeri del bailaggio. Per ottenere tali agevolazioni dalla Porta occorreranno forti somme, come quelle già sborsate dalle altre nazioni; alla spesa dovranno quindi contribuire tutti gli scali veneti che se ne avvantaggeranno e cioè: Costantinopoli, il Cairo, Aleppo, Smirne, Cipro, Tripoli di Siria, Saida, Beirut, la Morea e altri; in questi luoghi dovranno essere inviate persone con i rescritti del sultano. Sarà conveniente che il denaro sia preso a prestito a Venezia, dove si paga d’interesse il 5%, a mezzo dei capi di piazza, per farlo poi pervenire in zecchini o ongari per terra con carovane poiché sul posto viene invece richiesto un interesse del 18%. Per scontare la somma sarà stabilita dai Cinque savi alla mercanzia una tassa sulle merci in arrivo e in partenza.

Lingua: Italiano

Consistenza: 2 carte

Da: I "documenti turchi" dell'Archivio di Stato di Venezia. Inventario della miscellanea a cura di Maria Pia Pedani, Roma, 1994, pag. 546