Archivio di Stato di Venezia - Campo dei Frari, San Polo, 3002 - 30125 Venezia - tel. 041.5222281 - fax 041.5229220 - e-mail: as-ve@beniculturali.it
Lato posteriore dell'Archivio di Stato
icone MIBAC DGA UNESCO
Novità
20/10/2017
Manifestazione di interesse
L'Archivio di Stato di Venezia effettua un'indagine di mercato per individuare gli operatori...
29/08/2017
Riproduzione di beni archivistici
Da oggi entra in vigore la legge 4 agosto 2017 n. 124, che modifica l'art. 108 del Codice per i...
19/07/2017
Avviso
È stato completato e messo on-line l’indice nominativo relativo alla confisca dei beni ebraici...
18/07/2017
Avviso
Si avvisa che i fondi archivistici indicati nell'elenco sono nuovamente consultabili. Elenco...
10/01/2017
Avviso
Si informa che dal 14 gennaio 2017 la sala di studio sarà temporaneamente chiusa il sabato e aperta...

  

    

La sede sussidiaria della Giudecca



La sede dell’Archivio di Stato nell’ex magazzino dei tabacchi alla Giudecca


Per le carenze di spazio nella sede centrale ai Frari, una consistente percentuale della documentazione otto-novecentesca, a partire dagli anni Venti del Novecento, venne concentrata in alcuni capannoni ubicati lungo il margine occidentale della Giudecca, pervenuti nel 1925 all’Archivio di Stato di Venezia grazie ad una permuta con il Magistrato alle acque dell’antica sede dei Dieci savi alle decime in Rialto, la quale fino ad allora aveva svolto la funzione di sede sussidiaria. La nuova collocazione si rivelò del tutto inadeguata, anche perché contigua ad un cantiere navale.

Negli anni Sessanta del Novecento l’Amministrazione archivistica acquisì alcuni antichi magazzini, risalenti al XVII secolo, affacciati sulla fondamenta della Croce, al civico 117, non lontano dall’omonimo monastero convertito in casa di correzione dal 1811.

Dopo una prima ristrutturazione, fu possibile trasferire nella nuova sede, a decorrere dal 1978, larga parte del materiale fino ad allora precariamente conservato nei capannoni dismessi e alcuni fondi provenienti dalla sede principale ai Frari. Nei primi anni Ottanta venne concessa, per ampliare la disponibilità di spazio di deposito, anche la vicina chiesa in origine pertinente al monastero della Santa Croce.

La sede conserva un patrimonio documentario di oltre un centinaio di fondi otto e novecenteschi, soprattutto giudiziari, finanziari e amministrativi, in particolare di epoca austriaca e successivi all'unificazione nazionale.

La sede, chiusa al pubblico dal luglio 1991, dopo un lungo restauro, a partire dal 20 maggio 2015 è nuovamente aperta due giorni la settimana, il mercoledì e il giovedì, dalle 9.00 alle 14.00.

La sala di studio, situata al primo piano dell'edificio e prospiciente il bacino di San Marco, ha la capienza di 16 posti a sedere. I depositi, che hanno visto raddoppiata la loro capienza ad uno sviluppo lineare complessivo di 18 km, sono divisi in 4 comparti, 3 dei quali a 3 livelli e uno a 4, organizzati con scaffalature mobili a compactus.