Archivio di Stato di Venezia - Campo dei Frari, San Polo, 3002 - 30125 Venezia - tel. 041.5222281 - fax 041.5229220 - e-mail: as-ve@beniculturali.it
Foto aerea del complesso monumentale dei Frari
icone MIBAC DGA UNESCO
Novità
12/04/2021
Penzo Doria delegato in UNI dal Ministro dell'Università e della Ricerca
Il Ministro dell'Università e della Ricerca, Cristina Messa (ex Rettore dell'Università degli Studi...
02/04/2021
1600 anni di Venezia: una burla è una cosa seria, come la ricerca storica
Oggi non ci sarà il convegno sui documenti inediti per i 1600 anni. Con la Biblioteca...
31/03/2021
I nostri studenti al lavoro in Archivio per l'Università di Exeter
Oggi sono iniziati i lavori in Archivio del progetto Average – Transaction Costs and Risk...
29/03/2021
Le origini di Venezia
Conferenza, 2 aprile 2021, ore 10.30
26/03/2021
Nuovo caso COVID19
Poco fa in Istituto è stato accertato un caso Covid-19 positivo e un altro probabile è in...

  

    

01/03/2021

Lavori aperti su comunicazione e valorizzazione

Saranno rinnovati il sito, il sistema informativo e il programma di sala studio

L’Archivio registra grandi novità anche sul fronte della comunicazione e della valorizzazione del patrimonio archivistico. A breve, infatti, sarà disponibile on-line il nuovo sito web istituzionale, punto di riferimento per migliaia di utenti che si avvicinano ai servizi offerti dall’Istituto.

A questo rinnovamento d’immagine si accompagna una novità sostanziale per la fruizione del patrimonio e che vedrà sostituire nelle prossime settimane il SIASVe – Sistema Informativo dell’Archivio di Stato di Venezia e il sito del Progetto Divenire per le riproduzioni digitali in rete con un nuovo Sistema integrato che consentirà di navigare tra i fondi archivistici in maniera innovativa, consultare gli inventari e i documenti riprodotti. Con un omaggio allo stile veneziano, si chiamerà "moreveneto" (scritto attaccato).

Già, perché l'Archivio di Stato di Venezia combatte anche in maniera concreta l'obsolescenza tecnologica, sostituendo software ormai superati e andando verso la digitalizzazione completa dei servizi al pubblico. A breve tutti i pagamenti saranno disponibili solo tramite PagoPA, la piattaforma governativa per i pagamenti in digitale.

A queste migliorie si accompagnerà anche un nuovo software per la Sala di Studio e per la gestione delle richieste da parte degli utenti, sia in sala di studio che da remoto, grazie a un gruppo di lavoro che ha visto la partecipazione di alcuni Direttori di Archivio di Stato italiani. Insomma, i vecchi sistemi tradizionali sono destinati ad andare presto in soffitta.