Archivio di Stato di Venezia - Campo dei Frari, San Polo, 3002 - 30125 Venezia - tel. 041.5222281 - fax 041.5229220 - e-mail: as-ve@beniculturali.it
Sala di studio (antico refettorio)
icone MIBAC DGA UNESCO
Novità
20/10/2017
Manifestazione di interesse
L'Archivio di Stato di Venezia effettua un'indagine di mercato per individuare gli operatori...
29/08/2017
Riproduzione di beni archivistici
Da oggi entra in vigore la legge 4 agosto 2017 n. 124, che modifica l'art. 108 del Codice per i...
19/07/2017
Avviso
È stato completato e messo on-line l’indice nominativo relativo alla confisca dei beni ebraici...
18/07/2017
Avviso
Si avvisa che i fondi archivistici indicati nell'elenco sono nuovamente consultabili. Elenco...
10/01/2017
Avviso
Si informa che dal 14 gennaio 2017 la sala di studio sarà temporaneamente chiusa il sabato e aperta...

  

    

Le richieste di riproduzione



Orari
Le richieste di fotoriproduzione possono essere presentate dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30.
L'Archivio di Stato invierà direttamente tramite mezzo elettronico le immagini al richiedente.
Le riproduzioni possono anche essere realizzate dagli studiosi con propri mezzi, sempre tramite richiesta all'amministrazione secondo le predette modalità.

Modalità
La riproduzione va ordinata dopo che si è conclusa la consultazione dei documenti richiesti nella Sala di studio (quel pezzo non potrà essere più prelevato per la sala di studio finché non sarà conclusa la riproduzione).
Lo studioso deve indicare con precisione le pagine o carte da fotografare inserendo al posto, se necessario, apposite strisce di carta. (Tale operazione va fatta, di norma, nella Sala di studio, considerato anche il numero limitato di posti a sedere nella Sala per il pubblico della Sezione).
Se le carte o i documenti sono numerati, non è richiesto l'inserimento delle strisce, purché nella domanda si indichino sempre i numeri delle carte da fotografare (indicando di norma r. e v. - recto e verso). Per evitare equivoci, nel caso vi siano più numerazioni (è frequente incontrarne una antica a penna nel margine in alto a destra dei registri ed una moderna a matita posta in basso al centro) nella domanda va precisato quale viene seguita.
Terminata la consultazione in Sala di studio, lo studioso deve riconsegnare il pezzo in Antisala per lo scarico e chiederne l'invio alla Sezione di fotoriproduzione, a cura del personale dell'Antisala. I pezzi rimangono in giacenza nell'ufficio al pubblico della Sezione microfilm fino al sabato immediatamente successivo. Lo studioso può decidere di chiudere subito la richiesta di riproduzione, oppure di tenerla aperta nel corso della settimana, per aggiungere nei giorni successivi ulteriori pezzi archivistici. Quando la richiesta è perfezionata, il personale della Sezione provvede a trasportare al laboratorio di fotoriproduzione i pezzi d'archivio, sul dorso dei quali viene applicata un'etichetta adesiva recante il numero della richiesta di fotoriproduzione.
Terminate le lavorazioni fotografiche, i pezzi archivistici verranno ricollocati nei depositi.

Richiesta di fotoriproduzione per corrispondenza
La richiesta di fotoriproduzione deve essere, di norma, redatta nella Sezione di fotoriproduzione dell'Istituto. Nel caso in cui lo studioso si trovi a ciò impossibilitato, la domanda potrà essere formalizzata per lettera o per e-mail, inviata al Direttore dell'Istituto.
La richiesta dovrà indicare le coordinate esatte dei documenti da riprodurre (denominazione del fondo archivistico, dell'eventuale serie, numero di busta, registro o filza, numero di carta, data dei documenti, e il tipo di riproduzione richiesta). La Segreteria della Sezione predisporrà il preventivo, invierà un bollettino prestampato per il versamento e la dichiarazione d'impegno (da datare, sottoscrivere e restituire all'ASVe).
In caso di richiesta proveniente dall'estero, il versamento dei diritti di fotoriproduzione dovrà avvenire tramite vaglia postale internazionale.